Chongqing (Cina ), politiche preferenziali e snodo logistico

Le autorità portuali di Chongqing  hanno resa pubblica la decisione di costituire il primo centro di sdoganamento per l'importazione di […]

Le autorità portuali di Chongqing  hanno resa pubblica la decisione di costituire il primo centro di sdoganamento per l'importazione di macchinari nell'Ovest della Cina che dovrà rappresentare il primo snodo logistico della Cina, terminale della nuova Via della Seta. 

Tale centro sarà funzionale al noto collegamento ferroviario Chongqing-Duisburg, consentendo ai macchinari importati via ferrovia di essere registrati direttamente a Chongqing.  Altri centri doganali equivalenti sono presenti in 11 porti sparsi lungo la costa cinese oltre a 3 punti lungo i confini nord-occidentali della Cina, ma questo nuovo centro consentirà di effettuare direttamente a Chongqing le operazioni di sdoganamento.

Si tratta di una misura adottata dalle autorita' di Chongqing per riempire i treni di ritorno della ferrovia Chongqing-Europa, ossia la tratta Duisburg-Chongqing, di macchinari di produzione europea, spostando le operazioni di sdoganamento dei macchinari dalle attuali dogane di Tianjin, Shanghai e Canton, principali piazze per questa categoria di merci, verso il nuovo centro di Chongqing.

In questo contesto le autorità locali hanno definito anche un insieme di politiche preferenziali riconosciute dalle autorità di gestione del portofranco di Lianglu Cuntan (CFTA) in favore di aziende straniere che decidessero di utilizzare questa nuova piattaforma per la distribuzione delle loro merci esportate in Cina.

SCARICA IL TESTO

Vai a tutte le notizie