Recupero crediti nell’Ue: proposto sequestro conservativo sui conti

La complessità, la lunghezza e l'onerosità delle procedure di recupero transfrontaliero dei crediti hanno un impatto economico negativo e toccano in particolare le PMI. In questo difficile contesto, la situazione diventa ancor più complicata se il creditore vuole ottenere dei provvedimenti cautelari che pongano sotto sequestro conservativo il patrimonio del debitore ubicato all'estero.   Secondo uno studio della Commissione Europea, meno del 12% delle imprese cerca di recuperare oltre frontiera i rispettivi crediti attraverso sequestri conservativi nazionali. Non sorprende quindi che, nel luglio 2011, la Commissione Europea - per facilitare il recupero del credito transfontaliero in materia civile e commerciale - abbia proposto un regolamento volto a istituire un'ordinanza europea di sequestro conservativo sui conti bancari (OESC).   Un articolo di Newsmercati analizza in sintesi gli obiettivi e i contenuti generali della proposta, che potrebbe vedere la luce in tempi brevi.

La complessità, la lunghezza e l’onerosità delle procedure di recupero transfrontaliero dei crediti hanno un impatto economico negativo e toccano in particolare le PMI. In questo difficile contesto, la situazione diventa ancor più complicata se il creditore vuole ottenere dei provvedimenti cautelari che pongano sotto sequestro conservativo il patrimonio del debitore ubicato all’estero.

 

Secondo uno studio della Commissione Europea, meno del 12% delle imprese cerca di recuperare oltre frontiera i rispettivi crediti attraverso sequestri conservativi nazionali. Non sorprende quindi che, nel luglio 2011, la Commissione Europea – per facilitare il recupero del credito transfontaliero in materia civile e commerciale – abbia proposto un regolamento volto a istituire un’ordinanza europea di sequestro conservativo sui conti bancari (OESC).

 

Un articolo di Newsmercati analizza in sintesi gli obiettivi e i contenuti generali della proposta, che potrebbe vedere la luce in tempi brevi.

Vai a tutte le notizie