Affiancamento in azienda 2009-2010

II semestre 2009 - I semestre 2010 Sviluppo Lazio e ICE mettono in campo una squadra di esperti per affiancare le imprese nei progetti di internazionalizzazione: 6 aziende del Lazio dei settori Nautica e Farmaceutico-Biotecnologico sono state selezionate per un periodo di tutoraggio in azienda.

II semestre 2009 – I semestre 2010

Sviluppo Lazio e ICE mettono in campo una squadra di esperti per affiancare le imprese nei progetti di internazionalizzazione: 6 aziende del Lazio dei settori Nautica e Farmaceutico-Biotecnologico sono state selezionate per un periodo di tutoraggio in azienda.

 

L’INIZIATIVA

Nell’ambito dell’Accordo di programma tra Regione Lazio e Ministero dello Sviluppo economico, Sviluppo Lazio e l’Istituto nazionale per il Commercio Estero realizzano un progetto volto sostenere progetti di internazionalizzazione di PMI del Lazio nei settori della Nautica e del Farmaceutico-biotecnologico.

L’iniziativa prevede l’affiancamento in azienda  di un consulente esperto in strategie di  penetrazione industriale e commerciale all’estero con funzioni di tutoraggio su un programma preciso di internazionalizzazione. Le PMI con i migliori progetti beneficiano di 24 ore di assistenza sul campo allo scopo di perfezionare il proprio progetto di internazionalizzazione ed il relativo business plan.

 

LE SELEZIONI

A seguito della selezione (a cura di un’apposita Commissione formata da un membro di ICE, uno di Sviluppo Lazio, uno di Unioncamere Lazio e da un formatore aziendale) secondo i criteri di valutazione di seguito elencati, 6 PMI beneficeranno di assistenza formativa. pdfverbale di selezione

 

PMI selezionate: Alci, Ergonixart, Ino’, Isol.Ca.Gi, Line Life Lab, Safe Marine

 

{slide=CRITERI DI SELEZIONE}

Punteggi relativi alla selezione (fino a raggiungere il massimo di 20 punti):

1. completezza del progetto in termini di coerenza tra le 3 dimensioni di analisi (mercato obiettivo-sistema prodotto-struttura aziendale) fino a un max di 5 punti;

2. chiarezza del vantaggio competitivo realizzabile nel progetto e sua corrispondenza in termini di competenze distintive interne aziendali fino a un max di 5 punti;

3. compatibilità del progetto in termini di spazi competitivi aggredibili (in particolare spazi lasciati aperti dai concorrenti) fino a un max di 5 punti;

4. coerenza del progetto di internazionalizzazione proposto rispetto alla attuale formula imprenditoriale proposta  fino a un max di 5 punti.

{/slide}

 

MODULI FORMATIVI

Il progetto di affiancamento prende avvio con due moduli formativi

 

IL BUSINESS PLAN: DALL’IDEA ALLA STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE DI SUCCESSO

Come e cosa scrivere nel proprio business plan per l’internazionalizzazione

 

Il Modulo affronta i principali temi legati all’avvio di un’attività imprenditoriale in campo internazionale, evidenziando la criticità della formulazione e del controllo della strategia per la sopravvivenza e la crescita dell’iniziativa e la comprensione del ruolo del mercato finanziario per lo sviluppo della iniziativa stessa.

 

Il Business plan: questo sconosciuto

– Che cosa è un business plan
– Che cosa scrivere in un business plan
– Suggerimenti critici
– La formula imprenditoriale dietro al business plan

 

La formula imprenditoriale e il contesto competitivo

– Dalla visione ad una formula imprenditoriale coerente
– Il sistema competitivo allargato: non solo i concorrenti
– La definizione della strategia competitiva
– Mercato-prodotto-struttura

Relatore: Prof. Luca Gnan
Università di Tor Vergata – Roma

 

IL PIANO DI MARKETING INTERNAZIONALE

Come supportare lo sviluppo del business plan con i necessari approfondimenti sui mercati target

 

Il Modulo si propone di fornire ai partecipanti i principali strumenti concettuali e metodologici per applicare le logiche di marketing in contesto globale e sviluppare un piano di marketing, a supporto del business plan aziendale per l’internazionalizzazione.

 

• Richiamo dei principali concetti di marketing strategico, indispensabili per affrontare i temi di marketing internazionale
• Panoramica su un campione di aziende italiane esportatrici: problemi e implicazioni, valutazione dell’”export readiness” aziendale
• Le principali componenti del piano di marketing internazionale
• Una metodologia di valutazione dell’attrattività dei Paesi esteri: fonti di informazione e attività di ricerca
• Modalità di stima dei fattori di successo e dei potenziali di mercato all’estero
• Breve panoramica sulle strategie di presenza all’estero e i relativi criteri di scelta
• Stima dell’impatto delle scelte di canale all’estero sulla competitività e redditività aziendale: collegamenti fra strategie di marketing, posizioni di mercato e profilo economico delle attività
• Cenni ai criteri di destinazione di risorse scarse a Paesi e/o strumenti d’azione.

Relatore: Prof. Giorgio Gandellini
Università Roma Tre

 

INFORMAZIONI

SprintLazio c/o Sviluppo Lazio S.p.A. – Internazionalizzazione e Estero

Tel +39 06.84568.291

E-mail: sprintlazio@agenziasviluppolazio.it

 

Vai a tutte le notizie