Scheda Legge Internazionalizazzione PMI

 Legge Regionale n.5 del 27 maggio 2008 (pubblicata sul BURL n.21 del 07.06.2008) DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI REGIONALI A SOSTEGNO DELL’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE NEL LAZIO
 ImageLegge Regionale n.5 del 27 maggio 2008
(pubblicata sul BURL n.21 del 07.06.2008)

DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI REGIONALI A SOSTEGNO DELL’INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE NEL LAZIO

 

Testo ufficiale della legge

 

FINALITA’ (Art. 1)

Sostenere la competitività del sistema produttivo laziale a favore dell’internazionalizzazione delle PMI.

 

BENEFICIARI (Art. 1)

Piccole e medie imprese del Lazio con particolare riguardo alle forme di aggregazioni di imprese.

 

PROGRAMMAZIONE INTERVENTI (Art. 2)

Il programma degli interventi è l’atto programmatico di indirizzo adottato dalla Giunta regionale che contiene le linee guida per gli interventi di sostegno dell’internazionalizzazione delle PMI, definendo  i paesi esteri obiettivo, i settori focus e individuando le seguenti tipologie di intervento:
 – INTERVENTI INDIRETTI
 – INTERVENTI DIRETTI

 

INTERVENTI INDIRETTI (Art. 3)

Iniziative regionali da attuare anche in accordo con altri enti ed organismi operanti a livello regionale e statale.

 

ATTIVITA’ AMMISSIBILI:

a) realizzazione di attività di promozione del sistema laziale all’estero, di valorizzazione internazionale delle produzioni, del lavoro e del territorio regionale, anche attraverso la sottoscrizione di appositi accordi con altri enti/organismi;
b) sviluppo di progetti per diffondere e migliorare la cultura d’impresa, valorizzare la qualità della struttura, del sistema produttivo e la qualità delle produzioni e del lavoro;
c) elaborazione di analisi di mercato, database, studi e ricerche settoriali;
d) organizzazione di tavoli, seminari, convegni e iniziative di formazione per gli operatori del settori;
e) partecipazione a manifestazioni e fiere internazionali;
f) organizzazione di missioni istituzionali e tecniche;
g) creazione di una rete internazionale per aiutare le imprese laziali nei mercati esteri prioritari;
h) diffusione delle informazioni sulle politiche commerciali, produttive, finanziarie e sugli  strumenti regionali, statali e comunitari per l’internazionalizzazione; 

i) realizzazione e cofinanziamento di progetti di sistema che coinvolgono altri soggetti pubblici o privati;

l) ogni intervento di sistema a favore dell’internazionalizzazione delle Pmi laziali.

 

>>> Settori di attività e Paesi obiettivo 

 

INTERVENTI DIRETTI (Art. 4)

Concessione di contributi alle PMI.

 

ATTIVITA’ AMMISSIBILI:
a) cooperazione industriale, commerciale e di export per imprese singole o aggregate in mercati esteri prioritari per la ricerca di collaborazioni industriali, commerciali e di esportazioni di prodotti e servizi regionali;
b) partecipazioni collettive a manifestazioni fieristiche o  a rilevanti eventi commerciali all’estero;
c) progettazione e realizzazione di interventi promozionali per la valorizzazione di filiere, distretti produttivi e gruppi di imprese;
d) promozione, comunicazione e marketing per la realizzazione all’estero di showroom, centri espositivi, centri servizi per la commercializzazione di prodotti regionali e per l’esportazione di servizi;
e) servizi di consulenza legale, finanziaria e commerciale per aggregazioni di imprese, analisi di mercato, studi e ricerche settoriali per il consolidamento della presenza sui mercati internazionali;
f) progetti finalizzati all’acquisizione e lo sviluppo, da parte delle risorse professionali interne, delle professionalità idonee a favorire la promozione della qualità dell’export laziale;
g) attività volte a migliorare, anche ai fini dell’esportazione, la qualità della struttura e del sistema produttivo ed acquisire certificazioni attinenti:
  1) alla qualità e alla tipicità dei prodotti;
  2) ai sistemi ambientali.

 

DOMANDA DI CONTRIBUTO (Art. 4)

I contributi sono concessi attraverso appositi BANDI – emanati  dalla direzione regionale competente – che definiscono le risorse disponibili, i beneficiari, i termini e le modalità di presentazione delle domande, le spese ammissibili e l’ammontare del contributo, nonché i criteri di valutazione privilegiando le iniziative volte al miglioramento della cultura di impresa, allo sviluppo delle competenze e la valorizzazione delle professionalità interne.

 

L’attività istruttoria delle domande è svolta da:

Sviluppo Lazio SpA

Servizio Sviluppo Economico – Area Internazionalizzazione

Via V. Bellini, 22 – 00198 Roma 

Tel. 06.84568.291
Fax 06.84568.217

E-mail: internazionalizzazione@agenziasviluppolazio.it oppure sprintlazio@agenziasviluppolazio.it

 

DOWNLOAD

pdf Testo della legge  

>>> Rassegna Stampa

 

CONTATTI

SprintLazio – Sportello regionale per l’internazionalizzazione delle PMI

Via V. Bellini, 22 – 00198 Roma

Tel. 06/84568291 – Fax 06/84568217 

E-mail: sprintlazio@agenziasviluppolazio.it

 

Vai a tutte le notizie