Legge 1083/54

 Concessione di contributi finanziari ad Istituti, Enti, Associazioni per iniziative volte a promuovere l'esportazione

 

Image Concessione di contributi finanziari ad Istituti, Enti, Associazioni
per iniziative volte a promuovere l’esportazione

 

BENEFICIARI

Istituti, Enti, Associazioni di rilievo nazionale e di emanazione del sistema produttivo o imprenditoriale che non abbiano per statuto finalità di lucro. Sono comprese altresì le camere di commercio italo-estere in Italia, iscritte all’albo di cui alla Legge 580/93, art.22 comma 1. Sono comprese altresì le camere di commercio italo-estere in Italia, iscritte all’albo di cui alla Legge 580/93, art.22 comma 1.
I soggetti beneficiari possono dare mandato di eseguire il programma promozionale alle società di servizi di cui detengono una partecipazione maggioritaria ed il rapporto di mandato deve configurarsi senza profitto.
Deve intendersi senza scopo di lucro l’organizzazione che non prevede la distribuzione di utili ai soci, neppure in caso di scioglimento. Tali caratteristiche devono espressamente risultare dallo Statuto.

 

PAESI

Tutti i paesi.

L’Italia per quanto riguarda eventi a carattere internazionale.

 

IMPORTO

Fino ad un massimo del 50% delle spese preventivate ed ammesse (70% nel caso di soggetti che rappresentano le imprese di più regioni ubicate nei territori dell’ex obiettivo 1 (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna).

NB: in caso di insufficiente disponibilità dei fondi assegnati al Ministero, la percentuale di co-finanziamento è inferiore al massimo previsto (negli ultimi anni si è attestata su circa il 30% delle spese ammesse)

 

TIPOLOGIA DI INTERVENTO

Contributo sulle spese preventivate per la realizzazione di progetti volti a favorire, in particolare, l’internazionalizzazione delle piccole e medie imprese e lo svolgimento di specifiche attività promozionali di rilievo nazionale, nonché le attività relative alla promozione  all’estero del settore turistico al fine di incrementare i flussi turistici verso l’Italia.

 

Si considera attività promozionale:

– Partecipazione a fiere estere;
– Partecipazione a fiere internazionali in Italia (le spese relative alle manifestazioni che si svolgono in Italia devono riguardare eventi a carattere internazionale, secondo il calendario delle fiere internazionali);

– Servizi di assistenza alle imprese che partecipano agli eventi promozionali (partecipazione di non più di due funzionari);
– Realizzazione, stampa e distribuzione di cataloghi, repertori, depliant, materiale informatico, ecc. redatti in lingua estera;
– Pubblicità effettuata all’estero su giornali, riviste specializzate, radio e televisione;
– Workshop, conferenze ed incontri con operatori e giornalisti esteri;
– Viaggio e soggiorno di operatori esteri in Italia;
– Ricerche di mercato effettuate da agenzie specializzate;
– Corsi professionali ed educationals per operatori esteri;
– Apertura sito internet (in lingua estera).
Non sono ammissibili progetti puramente commerciali.
Al fine di un efficace uso delle risorse destinate al sostegno delle attività promozionale, i tipi di intervento suddetti non devono riprodurre quelli realizzati su base pubblica dall’ICE.

 

MAGGIORI INFORMAZIONI

http://www.mincomes.it/strumenti/capitolo_a/a1.htm

Vai a tutte le notizie